museo-vasa-stoccolma-foto

Il museo Vasa


Il Vasa Museet costituisce un elemento unico nel suo genere, in quanto  custodisce al suo interno una imbarcazione risalente al Diciassettesimo Secolo in perfetto stato di conservazione. La  costruzione della nave da guerra Vasa venne commissionata dal re, in modo tale che la maestosità con la quale era stata concepita trasmettesse ad ogni nemico della Svezia la grandezza del regno. Purtroppo, nonostante le considerevoli dimensioni, la durata dell’imbarcazione fu breve, in quanto affondò in mare nel 1628, in occasione del suo primo viaggio. L’imponente blocco navale è stato però recuperato tra gli Anni ’50 e gli Anni ’60.

Il Museo Marittimo di Stoccolma, aperto al pubblico nel 1990, è degno di tutta la vostra attenzione: l’imponenza dell’intero complesso costruito praticamente intorno alla nave si dipana su 5 piani differenti. Questo per offrirvi uno scenario ancora più ampio di quanto l’imbarcazione stessa sia capace di riproporre. Nel Museo potrete assistere a fedeli riproduzioni della vita che veniva condotta sulla nave, in quanto all’interno dello stesso sono contenute rappresentazioni dell’equipaggio e di tutti gli accessori ricollocabili ad esso, come ad esempio utensili, vestiti e monete. In aggiunta a quanto appena detto, il Museo Marittimo dispone di numerosi altri elementi che senza alcun dubbio saranno capaci di trasportarvi in un’epoca ben lontana da quella attuale, tra i quali è possibile citare la grande quantità di cartine nautiche riproducenti le rotte da seguire, o ancora il gioco del backgammon appartenuto al capitano.

museo-vasa-stoccolma-foto

All’interno del Vasa Museet sono contenute inoltre numerose descrizioni dettagliate che narrano l’intera storia della nave da guerra, partendo dalle fasi di costruzione per giungere infine al momento dell’affondamento. Nonostante ciascuna narrazione sia satura di elementi, la vostra immaginazione troverà senza alcun dubbio spazio per formulare un’idea personale in merito alla storia che interessa la nave Vasa.

Se volete approfondire l’argomento ecco il link del Vasa Museet

pic@Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *