Vita notturna a Stoccolma


La vita notturna di Stoccolma è molto vivace e di sicuro non permetterà a nessuno di annoiarsi o non trovare il locale giusto con la scelta di musica che si preferisce. Dal jazz al rock, dal pop all’hard core fino alla dance music più di tendenza, Stoccolma offre appuntamenti per ogni tipo di ascolto e ballo. Il divertimento cool scandinavo si abbina a boccali di birra, aperitivi a gocce di champagne e drinks after dinner per continuare il divertimento fino all’alba.

Nella zona di Gamla Stan, facilmente raggiungibile con diverse linee della metropolitana, si concentrano i locali in maniera più numerosa, qui si trovano sia i pub eleganti e caldi che le discoteche o i club in cui assistere ad esempio a concerti dal vivo, esibizioni, performances alle quali presenziano anche i personaggi del jet set svedese.

In genere gli svedesi si recano in discoteca il giovedì ed è opportuno non arrivare quando si incontrano tutti all’ingresso, ovvero verso la mezzanotte, se si vuole evitare di rimanere in fila alle temperature non calde della serata, in attesa di entrare.

La Berns Salonger è una locale dance tra i più antichi della città, all’interno di un edificio della metà del 1800, ospita anche concerti dal vivo, ha un ristorante e un lounge bar per il relax.

Il Grodan Grev Ture è invece uno dei pub più frequentati, anche dai dj svedesi. In perfetto stile barocco offre elaborati drinks e suona nelle casse la musica house più di tendenza.

A Stoccolma non mancano anche i JazzClub che offrono musica dal vivo raffinata e soft, anche di tipo R’B, soul e funky.

Se pensi che sia arrivato il momento giusto per tentare la fortuna allora la serata può svolgersi nel Casinò di Stoccolma, uno dei vari locali della catena CasinòCosmopol.

Cambiando totalmente genere, il Teatro Reale organizza eventi dedicati al teatro di prosa, alla musica classica e all’opera lirica. Può ospitare fino a 1000 spettatori, in stile art noveau, il Teatro ha visto calcare il suo palco da attrici divenute famose in tutto il mondo come Greta Garbo e Ingrid Bergman.

Infine i personaggi più trendy della vita modaiola svedese si possono incontrare nei locali notturni di SoFo oppure ad Ostermalm.

come-muoversi-a-stoccolma

Come muoversi a Stoccolma


Stoccolma è una città il cui fascino va goduto principalmente camminando, per poter respirare l’atmosfera elegante e fresca che la contraddistingue ma, pur avendo limitate dimensioni come capitale, Stoccolma vanta anche un efficiente sistema di trasporti pubblici che permette di percorrerla in maniera puntuale e sicura.

Il principale mezzo di trasporto è senza dubbio la Metropolitana, a cui seguono tre linee di ferrovia pendolare e leggera, numerose linee di autobus e una linea di barche.

La Metropolitana di Stoccolma è stata anche definita la mostra d’arte più lunga del mondo in quanto, specialmente la linea blu, è decorata dalla mano di veri e propri artisti. Oltre alla blu, esistono anche la linea rossa e la verde. Per riconoscere gli ingressi della metro è esposto all’esterno un cartello con una lettera T di colore azzurro.

Il singolo biglietto dei mezzi pubblici è limitato ad una delle tre zone in cui è divisa Stoccolma ed ha la durata di un’ora, quindi si consiglia di optare per abbonamenti da 24 o 72 ore, che hanno un raggio non limitato dalle zone, oppure per soggiorni più lunghi è opportuno acquistare la Stockholm Card, la quale permette di prendere tutti i mezzi e include l’ingresso gratuito a circa 80 musei.

Le linee dell’autobus coprono tutta la città e sono attive anche di notte, seppur con alcune limitazioni. Le linee più frequentate dai turisti sono la 47 e la 69.

Anche il tram è suggestivo e permette di ammirare la città, il numero 7 percorre le vie più turistiche e permette di passare vicino a famosi monumenti.

Un mezzo di trasporto decisamente economico è la bicicletta, di cui si servono numerosi abitanti della capitale, in quanto entrare in alcune parti di Stoccolma con l’auto richiede il pagamento di un ticket.

Per visitare l’arcipelago davanti alla città e inoltrarsi tra i suoi canali, è possibile salire sui numerosi traghetti e partecipare a mini crociere.

I biglietti dei trasporti pubblici si acquistano presso le biglietterie della metro, al SL-Center, nei negozi Pressbyra, nelle macchinette presenti in molte fermate o anche via sms.

pic@Wikimedia Commons

cattedrale-di-stoccolma

Monumenti principali a Stoccolma


Stoccolma è una capitale dal molteplice fascino, la città conquista per il suo stile di vita elegante, aperto, cosmopolita, pienamente immersa nella natura che la circonda, nell’acqua che ne accarezza le fondamenta, nella storia e nell’arte che ne arricchiscono il patrimonio culturale.

Numerosi sono i monumenti da visitare, di seguito un consiglio per scegliere quelli principali:

Il Municipio: si può visitare soltanto prenotando un tour organizzato, presenta un’architettura romanica ed è suggestivo poter camminare nella sala con i 18 milioni di tasselli di mosaici in oro oppure in quella in perfetto stile nordico vichingo o ancora nella sala in cui si svolge il banchetto dopo l’assegnazione dei prestigiosi Premi Nobel. La torre del palazzo è alta 106 metri e su di essa dominano le Tre Corone dorate;

– Il Palazzo Reale: è il Castello di Drottningohlm e sede della famiglia reale, si possono comunque visitare gli appartamenti degli ospiti, le sale dei ricevimenti, la Cappella Reale ed altre stanze ancora. La familia reale soggiorna nell’ala sud del Castello. In estate ogni giorno si può assistere al cambio della guardia, in inverno soltanto in alcuni giorni della settimana. Il Castello, perfettamente conservato, così pure il suo Teatro settecentesco e il parco circostante in perfetto stile barocco, sono stati dichiarati Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco nel 1991;

– La Cattedrale di Stoccolma: risalente al 1200, con all’interno oggetti d’arte come la scultura di San Giorgio e il Drago e il dipinto affascinante e magico chiamato Vadersoltavlan, con l’ affascinante fenomeno meteorologico accaduto nel cielo di Stoccolma nel 1535.

– I Musei: quelli principali sono il Vasa che permette di visitare l’omonimo vascello del 1600 completamente restaurato e al 95% con pezzi originali, lo Skansen ovvero il museo all’aperto più grande del mondo in cui poter immergersi nella storia antica e nelle tradizioni svedesi, tra case ricostruite in miniature e botteghe artigiane immerse nel verde, il Museo d’Arte Moderna con opere dei maggiori artisti del novecento, il Museo del Nobel che ripercorre la storia del premio, il Museo di Storia e Antichità che abbaglia per i tesori che sono stati riportati alla luce nei secoli.

palazzo-reale-stoccolma

Il palazzo reale


Se vi piacciono i grandi palazzi non potete mancare una visita al Palazzo Reale di Stoccolma.  L’edificio è collocato sull’isola di Stadsholmen, meglio conosciuta come Gamla Stan, e sorge in prossimità del Riksdag, ovvero l’edificio attualmente occupato dal Parlamento. L’imponente Palazzo Reale è uno tra i monumenti più importanti e suggestivi di tutta la capitale svedese e sicuramente merita una visista durante il vostro soggiorno a Stoccolma.

Per quanto riguarda l’estensione territoriale del Palazzo, è doveroso citare le 608 stanze delle quali si compone, all’interno delle quali potrete ammirare attrazioni non indifferenti, quali ad esempio il Museo del Palazzo Tre Kronor, il Museo delle Antichità Gustavo III, gli Appartamenti degli Ordini della Cavalleria ed ancora l’Armeria.

L’intero complesso, che ospita anche le stanze abitate tutt’ora dalla Famiglia Reale, porta con sé una storia carica di avvenimenti che certamente attirerà la vostra curiosità. E’ infatti necessario sapere che l’attuale Palazzo sorge sulle fondamenta del castello medievale Tre Kronor, il quale venne distrutto da un incendio nel 1697; la costruzione del nuovo complesso venne affidata a Nicodemus Tessin il Giovane, il quale, per merito dell’influenza ricevuta dal Bernini, diede origine ad uno degli esempi di maggior rilievo di architettura barocca svedese: l’edificazione del complesso attuale si prolungò poi fino al 1754.

Giunti all’interno del Palazzo Reale, non potete proprio perdere l’occasione di visitare il Museo del Palazzo, all’interno del quale potrete ammirare le vecchie del blocco medievale sul quale sorge il nuovo palazzo. Muovendovi tra le sale del Palazzo, inoltre, potrete respirare l’incantevole atmosfera derivante dai frequenti avvenimenti ufficiali che periodicamente si svolgono nell’intero complesso.

Per maggiori informazioni e per organizzare le vostre visite nel palazzo consultate il sito ufficiale : kunghauset.se

pic@Wikimedia Commons

visitare-stoccolma-municipio

Il municipio sede dei Nobel


Il Municipio di Stoccolma, presso il quale ha luogo la periodica consegna dei premi Nobel, è stato progettato nel Ventesimo Secolo da Ragnar Östberg, ed attualmente risulta essere il più importante progetto architettonico di tutto il Centennio. Se deciderete di recarvi in visita presso questa costruzione influenzata dalla matrice Gotico Nordica italiana, è importante che voi sappiate che la maestosità della quale gode attualmente l’intera zona un tempo era sede di numerosi complessi industriali, i quali, sgomberando il campo, hanno permesso l’edificazione di una delle più affascinanti zone residenziali dell’intera città.

L’edificio venne inaugurato in occasione del solstizio d’estate del 1923, e da allora si erge in tutto il suo splendore, anche per merito della torre alta 106 metri che lo contraddistingue. L’importanza che il Municipio riveste si traduce nell’avvenimento che, su scala annuale, prende vita fra le mura del complesso: la consegna dei prestigiosi Premi Nobel, la quale ha regolarmente luogo nell’anniversario della morte dell’indimenticato chimico Alfred Nobel, ricorrente il 10 dicembre. In occasione di tale circostanza la grande Sala Blu del Municipio accoglie un imponente banchetto al quale partecipano non solo la famiglia reale ed i riceventi del Premio, ma anche numerosi altri ospiti; al termine del pasto, i commensali sono tenuti a trasferirsi nell’affascinante Sala Dorata, dove si svolge il ballo di gala e dove è possibile ammirare  i 18 milioni di tessere d’oro che compongono la grande stanza.

L’unico modo per assaporare fino in fondo l’entità di quanto avviene ogni giorno tra le mura del Municipio consiste proprio nel visitarlo in prima persona: solo in questo modo potrete ammirare gli uffici e le sale riunioni ; in aggiunta agli elementi prettamente funzionali potrete dedicarvi alla contemplazione dei mosaici dai tratti bizantini e godere dello stile romantico svedese della quale la struttura è ricca.

Seguendo il link sotto potrete avere maggiori informazioni:

www.visitstockholm.com/en/To-Do/Attractions/the-city-hall/145

skansen-museo-stoccolma

Skansen Museo di Stoccolma


Lo Skansen Museum di Stoccolma è stato fondato da Artur Hazelius, ed è un open air museum, cioè un museo all’aria aperta che si visita passeggiando fra il verde delle piante in cui è circondato. E’ collocato su di una collina dalla quale si gode una ottima vista della città sottostante. Quando Hazelius scelse di edificare il complesso museale aveva come scopo preciso quello di preservare le abitudini del popolo svedese antecedenti all’era preindustriale, mostrando quell’epoca alle generazioni future.

Lo Skansen Museum si compone di edifici storici autentici, trasportati cioè fino a qui dal loro luogo d’origine e poi riassemblati : questa scelta  consente perciò  ai visitatori di ammirare una sorta di “Svezia reale in miniatura“, in quanto l’ambiente circostante ripropone non solo case e cortili risalenti all’epoca preindustriale, ma anche quartieri occupati interamente da laboratori dediti allo svolgimento di mestieri tipici di quel periodo: fra i tanti potrete infatti ammirare antiche  panetterie e siti di lavorazione dei metalli e del vetro.

Qualora siate degli appassionati di animali, lo Skansen dispone anche di un’area adibita a giardino zoologico, presso il quale è possibile entrare in contatto con specie animali autoctone quali ad esempio: ghiottoni, alci, lupi e foche. In sostanza, il museo racchiude in scala ridotta una fedelissima riproduzione della fauna tipica dei paesi nordici. A questo si aggiunge un terrarium ed una più esotica casa delle scimmie.

Il fascino dello Skansen attira ogni anno un numero incredibile di turisti provenienti da tutto il mondo e non solo.  Il museo infatti è molto amato anche dagli svedesi che si ritrovano per celebrare importanti eventi come il periodo natalizio, quando l’intero parco è addobbato con le decorazioni  festive. Se quindi, sceglierete di recarvi a Stoccolma sotto Natale potrete apprezzare dei mercatini ricchi di fascino  ed unici nel loro genere, accompagnati dai tradizionali buffet svedesi. Fate solamente attenzione al freddo e consultate il meteo di Stoccolma prima di partire.

Per maggiori informazioni consultate il sito ufficiale dello Skansen Museum

pic@Wikimedia Commons

clima-a-stoccolma

Il clima a Stoccolma


Il clima in Svezia non è di certo caldo, la stessa città di Stoccolma ha temperature in generale fredde ma che vanno a stemperarsi durante la stagione estiva.

Nel periodo invernale Stoccolma si ricopre di neve, le temperature scendono sotto lo zero toccando i – 10° fino ai -15° fuori città, mentre nel territorio urbano, le temperature rimangono leggermente più calde. Questo avviene soprattutto nel mese di gennaio e di febbraio. La lieve mitezza che caratterizza Stoccolma è data dalla sua posizione, in quanto la città è protetta dalle correnti più fredde, grazie alla presenza della barriera formata dall’arcipelago che le si pone davanti rispetto al mare. Da ricordare inoltre che nel giorno del solstizio d’inverno la luce solare dura soltanto 6 ore, per il resto cala il buio, ciò è dovuto alla latitudine geografica della penisola scandinava.

L’inverno dura da novembre a maggio e non è raro vedere il mare che circonda la città ricoprirsi di ghiaccio, così come altri luoghi intorno all’arcipelago di Stoccolma.

In primavera le temperature si rialzano, anche se le giornate rimangono fresche ed iniziano invece le piogge.

I mesi migliori per visitare Stoccolma sono probabilmente maggio, giugno e luglio, durante i quali le temperature si livellano su quelle solite estive, raggiungendo anche i 25°.

Già dal mese di settembre invece tornano le piogge, in autunno aumentano le perturbazioni e tra novembre e dicembre riprendono le abbondanti nevicate e gelate, associate anche a giornate piuttosto ventose.

In estate le giornate toccano la punta di luce di 16 ore, nel giorno del solstizio, esse sono comunque molto luminose e, per coloro che non riuscirebbero a dormire, si consiglia di portarsi qualcosa da posizionare sugli occhi, al riparo dalla luce esterna. Questo fenomeno è anche detto delle -notti bianche-

Comunque durante la stagione fredda, Stoccolma non si ferma anzi, tende ad aumentare la ricchezza dei propri eventi culturali e di intrattenimento, inoltre la città innevata acquista il fascino di posto da favola e numerosi sono gli sport invernali a cui ci si può dedicare già nei dintorni della città, oltre alle piste di pattinaggio sul ghiaccio presenti già nel centro urbano.

pic@Pixabay

fotografiska-museo-stoccolma

Fotografiska il museo di fotografia moderna


Gli appassionati di fotografia moderna considerano il Fotografiska di Stoccolma come uno dei musei più interessanti a livello europeo. Le collezioni sono ospitate all’interno di un edificio rivestito in mattoni di colore rosso e datato al primo decennio del XX secolo.

Il museo è caratterizzato da una serie di esposizioni temporanee che si rinnovano ciclicamente secondo un calendario molto ricco che il visitatore può tenere quotidianamente sott’occhio semplicemente andando a visitare regolarmente l’home page del sito, disponibile anche nella versione in lingua inglese. In questo modo per ogni singolo giorno della settimana è possibile individuare il programma degli eventi e quali sono le mostre in corso. Se si è interessati ad un’esposizione in particolare o, ancora meglio, ad un determinato fotografo, e si desidera dunque avere una spiegazione più dettagliata dello stesso, si può decidere di richiedere una visita guidata. La visita è necessariamente legata ad una prenotazione e permette di approfondire delle tematiche che dai soli pannelli illustrativi non potrebbero venire fuori. Il servizio è interamente gestito dal museo e questa è una garanzia sul suo funzionamento.

Tra i grandi fotografi che hanno esposto i loro lavori almeno una volta al Fotografiska figura ad esempio il grande David LaChapelle e ancora Maria Friberg, Christer Strömholm, Robert F. Kennedy, Kenneth Gustavsson, Sally Mann, Sally Mann, Véronique Ducharme, Julia Hetta, Helena Blomqvist, Steve Schapiro, Marcus Bleasdale e tanti altri grandi nomi della fotografia moderna e contemporanea. Alcuni dei loro scatti più belli si possono inoltre ammirare nell’archivio presente sul sito del museo, accompagnati da una biografia dell’artista che va ad introdurre gli scatti.

fotografiska-museo-stoccolma

Non solo mostre temporanee dedicate alla fotografia caratterizzano l’offerta del Fotografiska, che propone invece molto altro. Regolarmente vengono infatti organizzati eventi speciali, come conferenze o workshop di approfondimento sul tema della fotografia moderna.
Altra particolarità di questo museo è la possibilità che viene offerta ai privati di utilizzare alcuni degli ambienti per particolari eventi. Si possono tenere così al Fotografiska delle cene o feste private, come dei meeting di lavoro o delle eleganti serate di gala.

Se ci si trova a trascorrere al Fotografiska più tempo del previsto, ad un certo punto, è possibile che si inizi ad avvertire un certo languorino. Ebbene, anche in questo caso la risposta alle proprie necessità si trova direttamente all’interno della struttura museale. Il museo, infatti, è dotato anche di un punto ristoro che resta aperto ogni giorno dalle 9.00 alle 21.00 e dove è possibile pranzare, cenare, o più semplicemente prendere un caffè all’aperto godendo tra l’altro di una vista spettacolare sulla città di Stoccolma.

Per chi si ferma a visitare Stoccolma per più di qualche giorno, può rivelarsi interessante anche l’iniziativa delle serate musicali al museo, che si tengono normalmente il giovedì sera e alle quali è possibile accedere acquistando il normale biglietto d’ingresso, senza costi aggiuntivi. Si tratta di un’iniziativa senza dubbio lodevole, che ha il merito di attrarre una buona fetta di pubblico interessata non solo all’arte della fotografia ma anche alla musica dal vivo.

La visita è favorita anche dagli orari prolungati di apertura al pubblico. Il Fotografiska infatti apre alle 9.00 del mattino e chiude i battenti alle 21.00, mentre dal giovedì al sabato la chiusura è posticipata addirittura alle 23.00. Il prezzo è di SEK 110 per un biglietto intero, mentre per gli studenti è prevista una riduzione di 30 SEK. I bambini minori di 12 anni, invece, usufruiscono dell’ingresso gratuito.

pic@Wikimedia Commons

museo-vasa-stoccolma-foto

Il museo Vasa


Il Vasa Museet costituisce un elemento unico nel suo genere, in quanto  custodisce al suo interno una imbarcazione risalente al Diciassettesimo Secolo in perfetto stato di conservazione. La  costruzione della nave da guerra Vasa venne commissionata dal re, in modo tale che la maestosità con la quale era stata concepita trasmettesse ad ogni nemico della Svezia la grandezza del regno. Purtroppo, nonostante le considerevoli dimensioni, la durata dell’imbarcazione fu breve, in quanto affondò in mare nel 1628, in occasione del suo primo viaggio. L’imponente blocco navale è stato però recuperato tra gli Anni ’50 e gli Anni ’60.

Il Museo Marittimo di Stoccolma, aperto al pubblico nel 1990, è degno di tutta la vostra attenzione: l’imponenza dell’intero complesso costruito praticamente intorno alla nave si dipana su 5 piani differenti. Questo per offrirvi uno scenario ancora più ampio di quanto l’imbarcazione stessa sia capace di riproporre. Nel Museo potrete assistere a fedeli riproduzioni della vita che veniva condotta sulla nave, in quanto all’interno dello stesso sono contenute rappresentazioni dell’equipaggio e di tutti gli accessori ricollocabili ad esso, come ad esempio utensili, vestiti e monete. In aggiunta a quanto appena detto, il Museo Marittimo dispone di numerosi altri elementi che senza alcun dubbio saranno capaci di trasportarvi in un’epoca ben lontana da quella attuale, tra i quali è possibile citare la grande quantità di cartine nautiche riproducenti le rotte da seguire, o ancora il gioco del backgammon appartenuto al capitano.

museo-vasa-stoccolma-foto

All’interno del Vasa Museet sono contenute inoltre numerose descrizioni dettagliate che narrano l’intera storia della nave da guerra, partendo dalle fasi di costruzione per giungere infine al momento dell’affondamento. Nonostante ciascuna narrazione sia satura di elementi, la vostra immaginazione troverà senza alcun dubbio spazio per formulare un’idea personale in merito alla storia che interessa la nave Vasa.

Se volete approfondire l’argomento ecco il link del Vasa Museet

pic@Wikimedia Commons

museo-vasa-stoccolma

Principali musei di Stoccolma


La città di Stoccolma offre molto dal punto di vista culturale, così come tutta la Svezia. Non soltanto natura e civiltà sono i punti forti della nazione ma anche un rapporto con il passato, con la sua storia, la sua arte e la cultura che la rendono per questo ai primi posti nel mondo come qualità della vita.

A Stoccolma sono presenti alcuni principali musei che meritano una visita.

museo-vasa-stoccolma

Il primo fra tutti è il Museo Vasa, un originale luogo di cultura in quanto è costruito attorno al Vasa, ovvero un vascello del 1600 che è affondato proprio il giorno del suo varo. Questo evento drammatico permette ora di poter ammirare l’unico mezzo di navigazione, integro e risalente a quel periodo, che sia presente al mondo. Il vascello è completamente restaurato dopo il recupero dalle acque del lago Malaren, per il 95% si tratta di pezzi autentici. L’ammiraglia ha una lunghezza di 70 metri ed è arricchita con circa 70 sculture intagliate.

Altra importante tappa culturale è la visita al Museo di Arte Modera, situato sull’isola di Skeppholmen la quale è vicina alla città vecchia Gamla Stan ed è collegato ad essa tramite un suggestivo ponte. Già la locazione del Museo introduce in un’ atmosfera unica, si tratta di una vecchia corderia ristrutturata, e al suo interno la bellezza continua con l’esposizione di alcune delle più significative opere d’arte del secolo scorso, realizzate da Picasso, Dalì, Matisse, De Chirico, Kandisky, Derkert ed altri ancora.

Uno dei luoghi preferiti proprio dagli abitanti della città è il museo all’aperto più grande del mondo, lo Skansen. Esso si trova fuori dalla città, ricco di ricostruzioni storiche, tramite le quali poter ammirare palazzi antichi in miniatura, botteghe artigiane in cui i maestri del vetro lavorano ancora, chiese risalenti al settecento, le panetterie in puro stile tradizionale. A Skansen vi è anche lo zoo con quasi tutti gli animali che vivono nelle terre del nord: orsi, renne, foche, alci, lupi…

Skansen è il luogo ideale dove trascorrere una giornata con l’intera famiglia e lasciarsi coinvolgere nelle tradizioni locali e nelle feste nazionali che gli svedesi amano vivere tra gli alberi di quel magico mondo.

pic@Wikimedia Commons